Come allevare le galline in casa: occorrente e consigli utili

0
92

Al giorno d’oggi sono sempre di più le persone che decidono di avviare un piccolo allevamento di galline ovaiole nel proprio giardino di casa. Poter produrre in autonomia alcuni alimenti è infatti un vantaggio non da poco, che consente non solo di ammortizzare i costi ma soprattutto di avere il pieno controllo su ciò che si mangia. Oggigiorno purtroppo è difficile trovare uova fresche, che siano prodotte da galline allevate a terra e controllate, quindi iniziare ad allevarle per conto proprio può rivelarsi una bellissima idea. Naturalmente non tutti possono permetterselo, ma chi vive in campagna o ha un piccolo appezzamento di terreno dovrebbe prendere in considerazione questa possibilità.

Se voi lo avete già fatto e state pensando seriamente di avviare un allevamento di galline, vi diamo tutte le dritte per organizzarvi al meglio.

Quale pollaio scegliere per le proprie galline

La prima cosa da fare se si intende avviare un allevamento di galline è quella di predisporre un pollaio, che deve avere delle dimensioni ben precise ed essere collocato ad una distanza di almeno 10 metri dalla propria abitazione, per evitare odori sgradevoli. In quanto alle dimensioni, queste devono essere valutate in base al numero di galline che si intendono allevare calcolando che ogni metro quadro può ospitare fino ad un massimo di 4 esemplari. Se quindi per esempio volete allevare 8 galline, il pollaio dovrà essere grande almeno 2 metri quadri.

Per quanto riguarda la struttura, potete trovare una vasta scelta di pollai da giardino su Il Verde Mondo: un portale specializzato che vende anche tutti gli accessori utili. Conviene optare per un modello prefabbricato in legno oppure in alluminio: questi materiali infatti assicurano il maggior comfort ed un’adeguata protezione alle galline. Naturalmente, i pollai in legno sono più belli esteticamente mentre quelli in alluminio sono più spartani, ma in entrambi i casi svolgono la loro funzione al meglio.

Come scegliere le galline da allevare

Una volta predisposto il pollaio, è il momento di acquistare le galline da allevare e come probabilmente sapete ne esistono diverse razze. La cosa migliore da fare è sempre quella di scegliere galline locali, per il semplice fatto che risultano già perfettamente adattata al clima e all’habitat. Per essere poi certi di acquistare degli esemplari in buona salute, vale la pena controllare il piumaggio che deve essere abbondante, la cresta rossa ben sviluppata ed il carattere bello vivace. È sufficiente andare presso un allevamento serio e certificato per non rischiare di prendere brutte sorprese.

Cosa inserire nel pollaio

Naturalmente, nel pollaio bisogna anche inserire una serie di accessori che sono indispensabili per far deporre le uova alle galline. Tra questi ricordiamo i posatoi (bastoni di legno), le mangiatoie (che conviene scegliere anti-spreco in modo che non vada buttato via del cibo inutilmente) e gli abbeveratoi (ne esistono sia di manuali che di automatici, per risparmiare tempo). Assolutamente indispensabile è anche il nido per deporre le uova, ma se acquistate un pollaio prefabbricato molto probabilmente questo sarà già integrato e non dovrete quindi procurarvelo separatamente.